Avvelenatore di Cani “pizzicato” dalle Fototrappole

Nel folgarese da alcuni mesi i proprietari denunciavano episodi di avvelnamento e il ritrovamento di bocconi avvelenati nelle zone boschive nelle immediatezze del centro abitato. Così i Carabinieri di Folgaria hanno deciso di vederci chiaro, installando delle foto-trappole nelle zone dove erano stati ritrovati i bocconi avvelenati.parco_avvelenamento_1

E’ stato così “pizzicato” un avvelenatore “seriale” che aveva escogitato e premeditato tutto con metodo: dapprima aveva gettato in giro nei boschi esche puliti, senza veleno quindi, per abituare ed ingannare le povere vittime a quattro zampe. Poi aveva iniziato a “farcire” le esche con il veleno, facendo dverse vittime.

L’uomo ha patteggiato davanti a giudice Riccardo Dies un’ammenda di 3’300 euro, patteggiando un procedimento penale, e rischia uno procedimento civile. Ben poco a mio avviso e concordo con i commentatori della notizia che il quotidiano online L’Adige ha diffuso.