Tartufo prodotto agricolo spontaneo: l'iva passa dal 22 % al 10%

Tartufo prodotto agricolo spontaneo: l’iva passa dal 22 % al 10%

Anche l’Italia, con il consueto ritardo, si è adeguata ad una direttiva dell’Unione Europea che rende il Tartufo “prodotto agricolo spontaneo ” con la conseguente riduzione dell’IVA che passerà dall’attuale 22% al 10%.
Si potrebbe pensare che la notizia sia stata accolta con piacere da commercianti, coltivatori ed acquirenti finali, ma come abbiamo già visto in questo articolo serve un intervento più strutturale per un settore che ancora oggi subisce una doppia tassazione
poiché per una legge anomala, unica nel suo genere, quando un commerciante acquista da un cercatore (che non ha alcun obbligo fiscale) deve auto-fatturarsi il prodotto ed abbiamo un 22% di Iva non detraibile (unico caso al mondo), al quale va aggiunto un ulteriore 22% al prezzo finale. Con la nuova imposta si dovrebbe passare ad un 20% di IVA totale.

image

Rimangono ancora dubbi in quanto la trifola prodotto agricolo pone ai liberi cercatori il problema di come e se potranno accedere ai terreni privati.
Le associazioni di commercianti si sono mosse da anni per raggiungere questo obiettivo. Le associazioni di tartufai, tranne rare eccezioni come i trifolai piemontesi in questo articolo, cosa aspettano, visto che il primo treno lo hanno già perso?