La mia prima gara di cani da Tartufo…. da spettatore.

E’ stata una bella esperienza quella vissuta lo scorso 17 Maggio. L’Associazione Toscana Tartufi, nonostante sia una piccola associazione di appassionati senza alcun supporto istituzionale, è riuscita a metter su una bella giornata dedicata ai cani da Tartufo. Il tutto grazie all’impegno spassionato dei membri dell’associazione e soprattutto del presidente Riccardo, che si è fatto in quattro per tirar su una bella garetta che ha permesso a molti amici di incontrarsi dopo tanto tempo e ad atri di fare nuove conoscenze.

La cosa che mi ha colpito di più, oltre alla dedizione degli associati di Toscana Tartufi, è stato lo spirito della gara. Infatti a partecipare sono stati sia esperti tartufai che cercatori alle prime armi, ma anche appassionati dell’aspetto più ludico dell’andare a tartufi, una ristoratrice passeggiata nel bosco con il proprio cane farcita di qualche emozione e soddisfazione.

Qualche polemicuccia c’è stata quando il primo concorrente, un esperto tartufaio della zona, ha introdotto il proprio cucciolo sul ring facilitandone la cerca indicando il terreno con il bastone, ma subito sono state zittite dai giudici di gara che hanno correttamente eliminato il concorrente, ma hanno anche ricordato che non è permesso agli altri concorrenti disturbare i giudici durante la gare e che era palese che il tartufaio era lì per far fare esperienza al cucciolo e condividere con gli amici e i partecipanti la propria esperienza. Dal canto mio è stato un vero piacere guardare quel tartufaio all’opera con il suo cucciolo, senza esagerare un nonno che indica la strada al nipote. Con le sue movenze, i suoi gesti e l’atteggiamento ha fatto sparire il prato nastrato del ring e materializzare un bosco adagiato sulle colline toscane.

Messe in chiaro le cose sullo spirito della gara, la giornata è proseguita senza altri intoppi e nello spirito della competizione amatoriale la gara ha visto partecipare giovanissimi concorrenti, padri con i figli, esperti di gare sul ring, tutti premiati con caffè di una torrefazione locale (necessario per le levatacce mattutine) e con prodotti a base di tartufi (in caso di cerca infruttuosa!) . I più bravi ed il più giovane sono stati premiato con i bei trofei in cuoio e i vanghetti artistici dell’artigiano Emilio Carpenti.

Contenta del risultato anche l’amministrazione del del comune di Santa Croce sull’Arno, comune con vista su San Miniato, dove si trova il ristorante che a messo a disposizione i suoi spazi per la gara e che poi ha ospitato il pranzo a buffet dove hanno partecipato concorrenti ed amici.

L’esperienza con Toscana Tartufi prosegue con la seconda cena sociale che si terrà presso la sede sociale vicino San Miniato e che sarà sempre a base di tartufo, questa volta lo scorzone, visto che siamo in piena stagione. L’invito è aperto ai soci e a chi volesse diventarlo. Per informazioni basta contattare il numero 3476845282.

Di seguito trovate alcune foto che ho scattato durante la giornata.

Massimiliano

Un concorrente premiato con la bella targa in cuoi, opera di un artigiano locale.

Un concorrente premiato con la bella targa in cuoi, opera di un artigiano locale.

Premi per tutti alla gara organizzata da Toscana Tartufi.

Premi per tutti alla gara organizzata da Toscana Tartufi.

Riccardo, presidente dell'asociazione Toscana Tartufi, premia con prodotti a base di tartufo uno dei partecipanti.

Riccardo, presidente dell’asociazione Toscana Tartufi, premia con prodotti a base di tartufo uno dei partecipanti.

Pacchi di caffe' tra i premi consegnati.

Pacchi di caffe’ per le levatacce mattutine tra i premi consegnati.

Gara terminata! Tutti dentro per pulire il campo di gara.

Gara terminata! Tutti dentro per pulire il campo di gara.

Non solo il lagotto romagnolo è adatto alla cerca del tartufo. Qui un golden retriever.

Non solo il lagotto romagnolo è adatto alla cerca del tartufo. Qui un golden retriever.

Fare due chiacchiere e condividere le proprie esperienze aspettando il proprio turno.

Fare due chiacchiere e condividere le proprie esperienze aspettando il proprio turno.

Tra il pubblico, giovani e meno giovani assistono allo svolgimento della gara.

Tra il pubblico, giovani e meno giovani assistono allo svolgimento della gara.

Anche i border collie sono adatti alla cerca del tartufo.

Anche i border collie sono adatti alla cerca del tartufo.

Non solo esperti, ma anche amatori della cerca del tartufo hanno partecipato alla gara.

Non solo esperti, ma anche amatori della cerca del tartufo hanno partecipato alla gara.

Giudici sempre attenti a far rispettare il regolamento.

Giudici sempre attenti a far rispettare il regolamento.

E' stato bello vedere come la gara non fosse agonisticamente esasperata, ma ha dato la possibilità a padri e figli di condividere una giornata assieme, uniti dalla passione per il tartufo.

E’ stato bello vedere come la gara non fosse agonisticamente esasperata, ma ha dato la possibilità a padri e figli di condividere una giornata assieme, uniti dalla passione per il tartufo.

Tartufai esperti hanno condiviso la loro esperienza con i partecipanti.

Tartufai esperti hanno condiviso la loro esperienza con i partecipanti.

Appassionati di cerca del tartufo hanno partecipato numerosi alla gara.

Appassionati di cerca del tartufo hanno partecipato numerosi alla gara.

Coccole e panza all'aria per questo cucciolo. :)

Coccole e panza all’aria per questo cucciolo. 🙂